Top Post »

| 2 Comments | 29.700 views

Dalmazia è una regione geografica e storica, sulla costa orientale del Mar Adriatico, nel sud e sud-est della Croazia. Come la ragione storica non ha più lo status ufficiale. Le …

Leggi l'articolo completo »
Cultura

Eventi culturali e la storia della Croazia

Dalmazia

Le nostre guide sulle città e luoghi interessanti nella Dalmazia

Vacanze

Suggerimenti e consigli sulle vacanze in Croazia forniti dalla gente che ci vive

Istria

Le nostre guide sui luoghi interessanti in Istria

Vacanze attive

Attività sportive per i turisti: rafting, kayaking, trekking...

Home » Croazia, Cultura, Dalmazia, Istria

Olio d’oliva in Croazia

Inserito da | 11.698 views

Omero, è vero, il tipo che ha scritto l’Illiade e l’Odissea, l’ha chiamato ‘l’oro liquido’. Gli Spartani strofinavano con l’olio d’oliva i loro corpi per avere un aspetto migliore, per sentirsi più forti ed essere più sexy. Gli dava qualcosa di erotico je ne sais quoi che cercavano. Come se il sollevamento dei 150 chili nella palestra locale non bastava. La parola “olio” deriva in realtà dall’albero di questo frutto fenomenale. Potete immaginare la pressione che era messa sull’ulivo? Ci voleva l’eternità per raggiungere la sua reputazione. Questo miracolo perfetto della natura è un prodotto ottimo ma una produzione di massa di questa merce con benefici alla salute che vi fanno girare la testa e se tornate sarete completamente increduli di quello che avete appena imparato. Ed è qui che si presenta la Croazia perché è quio che succede il miracolo.

Oliva e storia

Ovviamente, sto parlando di olio d’oliva. Ma, prima di entrare più profondamente nel tema, diamo un’occhiata all’albero ed il frutto stesso. In poche parole, sembra che l’ulivo sia fuori dal mondo. Almeno, è così com’è resistente. Infatti, è così resistente che rimane un mistero come non ha sostituito intere foreste ormai. Le sue origini risalgono al tempo primo di Gesù Cristo. Le opinioni sull’origine dell’ulivo sono come le nazioni che lo coltivano – veramente divise. Alcuni dicono che è venuto dall’Africa, altri dicono che si è evoluta in Grecia, alcuni concludono che gli olivi hanno preso vita nell’Asia Minore. Personalmente, ritengo che sia l’Africa il luogo della nascita dell’ulivo, poiché comunque tutto ha iniziato lì. Dalla parte settentrionale dell’Africa tropicale, si diffuse verso il Mediterraneo, Creta, Israele, Siria, Asia Minore, Grecia, Macedonia e, naturalmente, – Croazia. Quando ci pensate, ha veramente senso che l’ulivo si è stabilito sul suolo medoterraneo per una sola ragione – il clima è perfetto per la coltivazione degli ulivi.

Poi, c’è tutta una teoria religiosa e mitologica sugli ulivi. Se consideravano da sempre un simbolo di abundanza, gloria e pace. Qualche volta si usavano per incoronare i vincitori di un gioco o sporto sanguinoso e in occasione di altri giochi sostenevano la combustione della fiamma olimpica. Parlando di combustione, ecco un fatto interessante: i ricercatori (i studiosi con budget che imbarezzerebbe la Libia, che a volte tragono le conclusioni oscure ma in qualche modo utili) hanno recentemente scoperto che il spreco che rimane nella lavorazione delle olive produce in realtà 2,5 volte di più dell’energia quando acceso sul fuoco di legno regolare. Lo potete imaginare? Mi piace. Mi piace il fatto che qualcuno è riuscito a fare qualcosa di utile da spazzatura totale. Ed è qui che c’entra anche la Croazia perché i croati pazzi non buttano via niente. Tuttavia, proprio quest’innovazione proviene dagli Stati Uniti soprattutto perché sono l’unico paese dell’universo che può brevettare un processo di combustione dei rifiuti.

A dir poco, l’uso di olive si è diffuso moltissimo. Alcune foglie e rami di ulivo sono stati trovati anche nella tomba di Tutankhamon. Penso che questo sia una buona assunzione su come eterne tendevano ad essere. E non ho ancora nemmeno toccato le caratteristiche medicinali.

Si parla molto degli ulivi nei grandi movimenti religiosi come il Cristianesimo, islam ed ebraismo. Vari scienziati, ricercatori e agricoltori hanno opinioni diverse su l’età esatta del primo albero di ulivo e parlano dei numeri come se raccontassero un crollo del mercato azionario. Fondamentalmente, è come con i dinosauri – se non ci siete stati, tutto che potete fare è assumere e tutti sappiamo la cui madre è l’ipotesi. Tuttavia, alcuni esperti danno poca attenzione alle prove reali e pensano che ci sono gli ulivi viventi che risalgono a 7000 anni AC. Naturalmente, ci sono metodi affidabili con i quali è possibile dare una stima approssimativa all’età di un ulivo.

Utilizzando un metodo per determinare l’età, la Croazia si è affermata come l’orgoglio soproprietario di un ulivo di 1600 anni piantato da nessun altro che gli stessi Romani. L’albero si trova sull’isola di Brioni, che è fondamentalmente il paradiso sulla terra per quelli che amano abbracciare gli alberi. Quest’ulivo specifico dimostra due cose: com’è resistente in realtà un’ulivo e come ridondante può essere una laurea presso la Facoltà di agricoltura quando cade in mani sbagliate. 3 anni fa, un fulmine ha colpito e diviso quest’ulivo particolare in due. Gli abitanti del luogo si sono messi d’accordo e hanno invitato un agronomo per salvare l’albero da una morte sicura. Questo “esperto” ha deciso di utilizzare il rimedio più ragionevole possibile – versare un carico di cemento sopra la parte in cui l’albero era diviso in due. Certo, l’albero è sopravvissuto, ma non a causa del cemento, ma perché è un albero resistente. 3 anni fa l’ulivo ha cominciato a deteriorarsi seriamente dall’interno soprattutto a causa del cemento che è stato versato su di esso. Fortunatamente, un ambientalista è arrivato ed ha risolto il problema. Oggi, gli studenti dell’agricoltura sono invitati sull’ isola per prendere l’albero in giro e raccogliere i frutti da esso. L’albero deve essere arrabbiato.

L’isola di Brioni, in particolare il Brijun Grande, è abbastanza rilevante per l’industria dell’olio d’oliva siccome tra le sue rovine romane si nasconde un vecchio impianto di produzione di olio d’oliva che utilizzava le presse di pietra per la produzione di olio d’oliva. Infatti, l’impianto è così ben conservato che si possono vedere i modi primitivi della produzione dell’olio molto chiaramente, senza cercare di capire dove appartenevano le parti.

Il 95% di tutta la produzione di olio d’oliva nel mondo proviene dal Mediterraneo. La Croazia è uno di quei produttori. Certo, i grandi produttori sembrano essere la Spagna, l’Italia e la Grecia, principalmente a causa della loro migliore posizione sul mercato mondiale e perché lo coltivano da secoli. Tuttavia, la Croazia è quel piccolo segreto che in realtà non è stato ancora scoperto. Per esempio, l’UE ha una legge che dice che si può dichiarare che l’olio è italiano anche se contiene lo 0.2% del vero olio italiano. La Croazia, invece, non prende merda da nessuno, ma dal suo stesso popolo. È vero, produciamo il 100% vero e proprio l’olio vergine d’oliva. Infatti, il nostro olio d’oliva è così innocente che passa solo attraverso la pubertà dopo averlo provato.

Coltivazione

Come ho già detto, l’ulivo è estremamente resistente e può davvero sopravvivere disastri l’uno dopo l’altro e la sua durata di vita è spesso misurata in secoli. Ha un sistema di radici ampio e profondo che garantisce praticamente la sua sopravvivenza senza irrigazione aggiuntiva. È stato dimostrato che il posto migliore per piantare un ulivo è da qualche parte vicino al mare dove altre piante hanno difficoltà di sopravvivere a causa del sale saturo nelle acque sotterranee. Credeteci o no, per quanto riguardano gli ulivi, le difficili condizioni di vita qualche volta garantiscono una migliore possibilità di sopravvivenza e la produzione.

Eccoci di nuovo con alcuni numeri davvero ambiziosi. Alcuni 50 000 anni fa o qualcosa di simile, la prima oliva era schiacciata in una parte del Mediterraneo orientale dalla zampa di un dinosuro che ovviamente non aveva niente di meglio da fare. Nei secoli successivi, i dinosauri estinsero e presse dovevano essere inventate.

Oggi, ci sono letteralmente migliaia di coltivatori di olio d’oliva in tutto il mondo. Tuttavia, i maggiori produttori sono ancora concentrati nel Mediterraneo. Gli “altri” si sono diffusi in California, Sud Africa e Australia, ovviamente cercando il clima adatto. In Croazia, la produzione è in forte espansione perché è condensata in questo piccolo paese che è abitato da meno di cinque milioni di persone. Qui, tutti vogliono essere agronomi buoni e la qualità della concorrenza è così forte e intensa che vi viene voglia di stringere con la mano quei piccoli bastardi il 14 ottobre solo per ottenere il perfetto rapporto della qualità dal vostro miglior ulivo. È così pazzo che è diventato il bussines degli ulivi. Mi ricordo l’anno scorso quando calcolavamo qual’ è il periodo perfetto per raccogliere le olive usando la curva di Gauss per ottenere il momento più opportuno per raccogliere le olive per poter produrre il miglior rapporto tra la qualità e quantità. Alcune persone passano la notte nel loro campo d’ulivi affinché le olive possano dirgli quando è il momento giusto per raccoglierle.

Raccolta di olive

C’è una certa magia nella raccolta delle olive che non può essere descritta; è uno di momenti “dovevate esserci.” Di solito è metà di ottobre, ci si sveglia intorno alle 04:00, si prende il cibo, le bevande ed i struementi e si reca verso il campo. Ci sono diversi modi per raccogliere le olive dagli alberi. Un metodo è quello di usare le macchine che scuotono l’intero albero perché le olive possano cadere. Tuttavia, questa non è un’opzione in Istria perché gli Istriani sono persone che utilizzano un approccio pratico. Ecco perché il modo più comune per la raccolta delle olive in Istria è quello di prendere il rastrello e poi calmare i rami fino a quando il frutto cade nella rete di olio che è stata in precedenza diffusa attorno all’albero. Ecco come li raccogliamo ogni anno. Un altro metodo è indossare un sacco al collo, mentre si sta su una scala, raccogliere le olive con le mani e metterle nel cestello. In tutta onestà, è meglio se il frutto non è ferito perché questo influisce notevolmente sulla qualità dell’olio. Quest’ultimo metodo include il taglio dei rami che, crediateci o no, aumenta il rendimento per i raccolti futuri.

Passi l’intera giornata nel campo soleggiato raccogliendo le olive, riempiendo cesti e pensando perché questo non è stato dichiarato uno sport nazionale. Verso mezzogiorno si prepara un barbecue per tutto l’equipaggio, si tira fuori un paio di bottiglie di alcuni dei migliori vini del mondo (che, inevitabilmente, arriva anche dall’ Istria ed è probabilmente prodotto in un vigneto nelle vicinanze). Presto vi trovate davvero ben nutriti e un po ‘storditi col vino. Ma ciò vi dà solo una spinta più forte e vi ritorna indietro nel campo in cui passate il resto della vostra giornata saltando da un albero all’altro come una scimmia in vacanza. È una sensazione incredibile e si dovrebbe esperienzare. Alla fine della giornata, avete dolori su tutto il corpo, ma andate a letto con la sensazione che avete afferrato quel giorno con le olive e spremuto ogni pezzo fuori di esso. Consiglio del giorno: ricordatevi, un albero vecchio non produce necessariamente il buon rapporto tra la qualità e quantità perché gli alberi vecchi producono bene i suoi frutti ogni paio d’anni e se avete un bussines questa non è una cosa su cui si può contare.

Olio d’oliva istriano e della Dalmazia

L’Istria e la Dalmazia sono due regioni croate diverse. Differiscono tanto nella gente quanto nei prodotti. Entrambi sono famosi per la cucina eccellente, eppure così diversa. Lo stesso vale per l’olio d’oliva. Per esempio, in Istria è abbastanza tipico vedere file e file di ulivi tutti perfettamente allineati, 2 metri di distanza l’uno dall’altro crescendo in perfetta armonia. In Dalmazia invece, è abbastanza comune trovare ulivi sparsi in aree difficili da raggiungere dove le risorse idriche sono scarse. Per questo motivo, la gente mettono cisterne d’acqua enormi accanto ai campi d’oliva, ma anche questo sembra inutile siccome gli ulivi sono ancora difficili da raggiungere. Ecco perché la Dalmazia è piena di alberi di ulivo, ma non di tante quantità dell’olio d’oliva. Tuttavia, questa non è l’unica ragione per cui l’olio di oliva della Dalmazia si differenzia dall’istriano. I Dalmati usano un tipo diverso di pressa che non rende il loro olio tanto maturo e amaro quanto quello dell’Istria. Gli Istriani direbbero “non tanto salubre” e probabilmente hanno ragione. Tuttavia, un vero dalmata avrà delle difficoltà nel adeguarsi all’olio d’oliva istriano perché sarà difficile gestire l’amarezza. È una questione di gusto, abitudine, patrimonio, cultura, pressa e periodo di raccolto.

Vedete, i Dalmati mirano ad una quantità più alta dell’olio d’oliva mentre gli Istriani sono più inclini alla qualità che alla quantità. Ancora una volta, diversi motivi sono in gioco. I Dalmati non hanno tanti frutti di ulivo e quindi cercano di sfruttare il massimo. Gli Istriani hanno un sacco di olive e possono permettersi di essere “schizzinosi” e produrre una migliore qualità di olio d’oliva in quantità minore, ma comunque abbastanza soddisfatti della quantità.

Produzione dell’olio

Dopo la raccolta che può durare tra una e due settimane, è tempo per la produzione. Tuttavia, non aspettate due settimane per la produzione, ma appena il raccolto giornaliero è finito, trasportate le olive al frantoio nelle vicinanze, presumendo che non ne avete uno proprio. A seconda delle preferenze, l’olio può essere estratto meccanicamente o chimicamente. Olive verdi, se raccolte troppo presto, possono essere troppo amare, mentre le olive stramature producono più olio, ma la qualità è notevolmente inferiore. Ecco perché abbiamo usato la curva di Gauss che ho menzionato sopra, al fine di calcolare il momento ideale di raccolta in modo da poter ottenere il miglior rapporto tra la qualità e quantità dell’olio d’oliva.

Dopo il trasporto delle olive al frantoio della vostra scelta, avete praticamente fatto tutto quello che potete fare. L’olio è prodotto o il giorno stesso o il giorno dopo, a seconda del carico di lavoro giornaliero del frantoio.

Le olive vengono poi messe su una sorta di catena di montaggio, che serve a separare le olive da resti possibili dell’albero, come foglie e piccoli rami. Dopo questo, viene il processo di frangitura per mezzo delle grandi macine di pietra o nel mio caso – fusti di acciaio. Non credo che la gente dell’Istria usi più le macine, mentre la Dalmazia ha ancora molto per passare completamente al metodo di fusti metallici di macinazione delle olive. Il problema con macine di pietra è che la pasta di solito rimane sotto le pietre per un massimo di 40 minuti, che corre il rischio di ossidazione dell’olio che riduce il sapore dell’olio. D’altra parte, se il processo è troppo breve, l’olio fuoriesce in piccole quantità e ha un sapore meno maturo.

Quando la macinazione è completata, la pasta viene posta sui dischi che sono impilati uno sopra l’altro in una colonna, dopo di che viene inserita nella pressa. La pressione è utilizzata per separare il liquido dalla pasta. Di solito estraiamo a freddo quest’olio d ‘oliva per ottenere quell’olio extra vergine che potrebbe far imbarazzare i produttori di tutto il mondo con una lunga tradizione. Estrazione a freddo significa che la temperatura di tutto il processo della produzione non supera 27°C. Questo assicura che tutte le sostanze nutrienti di un’oliva rimangono nell’olio e non sono sprecati per quanto riguarda la consistenza, il gusto e l’aroma. Dopo la separazione di questo liquido vegetale dalla pasta, il liquido contiene ancora una certa quantità di acqua che deve essere rimossa al fine di ottenere l’oro liquido’ di cui Omero è stato così entusiasti nelle sue opere. Nel passato, la gente di solito usava la gravità per fare il loro lavoro. Ovviamente, ci voleva molto tempo e, quindi, ispirati dalle lavatrici, il processo è stato sostituito dalla centrifugazione che separa l’olio dall’acqua siccome la centrifuga ha un’uscita per l’acqua e l’altra per l’olio. La cosa è che più acqua vegetale contiene, più velocemente si verificherà il processo degenertivo. I mulini dovrebbero essere scelti con attenzione perché in alcuni piccoli mulini che non utilizzano le tecnologie più recenti, la separazione non è sempre a pari con gli standard più recenti e alcuni resti acquosi contenenti particelle organiche si possono trovare sul fondo delle bottiglie di olio.

Al fine di ottenere l’olio di oliva vergine dal frutto, è necessario rendere la produzione esclusivamente meccanica. L’olio extra vergine di oliva deve soddisfare i specifici criteri chimici ed organolettici (come la bassa acidità libera). Si può fare buon uso della pasta rimanente (detta anche sansa). Per esempio, dopo la lavorazione e la derivazione originale dell’olio d’oliva, c’è ancora una piccola quantità di olio rimasto nella pasta, circa l’8% al massimo. I mulini per olio non possono non possono estrarre l’ultima parte dell’olio; questo è fatto per mezzo dei solventi chimici negli impianti chimici specializzati. Questo processo produce l’olio di sansa.

Consiglio del giorno: Se vedete una bottiglia dell’olio d’oliva contenente le parole prima pressa” dovete sapere che non significa un bel niente. L’olio d’oliva è sempre premuto una volta, non c’è seconda pressione. È l’olio d’oliva, non è una edizione giornale, per amore di Dio!

Tipi di olio d’oliva

Olio extra vergine di oliva è esclusivamente ottenuto dalla produzione di olio vergine. Ci sono certe restrizioni che questo tipo particolare di olio deve rispettare. Per esempio, lo 0,8% di acidità non è permesso nel paese extra vergine, però il gusto superiore è stato approvato da molti nel Mediterraneo. In generale, l’olio extra vergine di oliva fa circa il 50% nei paesi della più grande produzione (Spagna, Grecia, Italia). Di solito si usa come una sostituzione fantastica per condimenti per insalate, zuppe, stufati e salse. È una spezia che prolunga la vita, comunque è come lo chiamano i ragazzi.

Il nome, lo scopo e la vitalità dell’olio vergine deriva dalla produzione dell’olio vergine. In sostanza, si spiega da sé, ma il livello di acidità non deve superare il 2% ed è considerato eccellente nel gusto.

Olio di oliva puro – il nome può essere ingannevole siccome il termine “puro” dista solo un passo dall’olio extra vergine di oliva. Relativamente parlando, è abbastanza difficile superare qualcosa che contiene vergine nella sua descrizione. Ovviamente, è ancora più difficile degradare quel tipo di olio e poi dargli un voto decente. Quindi, l’olio di oliva puro è una miscela di olio d’oliva vergine e raffinato.

In precedenza abbiamo parlato di olio di sansa di oliva. Poco è cambiato da allora. Si tratta praticamente di olio di oliva raffinato mescolato con olio vergine di oliva. Anche in questo caso, può essere consumato ed è spesso di natura industriale il che significa che si può trovare nei negozi croati se è stato prodotto in grandi quantità da uno dei maggiori produttori. Non si occupano tanto di qualità quanto di quantità. Ecco perché i loro oli di solito non hanno nessun sapore o hanno un gusto “neutro”. Non è proprio popolare tra i locali o conoscitori, ma ha qualche somiglianza per quanto riguardano i benefici alla salute. A causa del suo elevato punto di fumo è generalmente utilizzato in ristoranti.

Olio lampante è ancora l’olio di oliva ma risulta vagamente simile. Per questo motivo, l’olio lampnte fa quello che suggerisce il suo nome, fornisce fuoco per le lampade ad olio. L’olio raffinato ha una qualità più scarsa. Quando non c’è più nulla da spremere, è il momento di raffinare il resto. Comunque, ha una acidità libera non più di 0,3% ma questo è quasi un vantaggio in questo caso. In sostanza, olio di oliva raffinato è la scelta ultima sul ripiano più basso del negozio. Viene ottenuto tramite l’uso di solventi chimici e carbone in collaborazione con l’olio d’oliva di qualità veramente scarsa.

Varietà di olio d’oliva

Parlerò delle varietà di olio d’oliva che sono specifici per la regione istriana della Croazia siccome è quest’area da cui proviene il miglior olio d’oliva. Queste sono le varietà prodotte da Olea BB (http://www.oleabb.hr/), uno dei migliori produttori di olio d’oliva del mondo con la residenza permanente in Istria, Croazia. Ancora una volta, a seconda delle occasioni, le seguenti varietà hanno placato le mie papille gustative in un modo che dovrebbe essere illegale.

Leccino

Questa varietà rustica diffusa in tutto il mondo, è nata dalla Toscana. La sola pianta è vigorosa, con una V grande. Lo stesso frutto è viola nero. Per essere perfettamente chiari, è di colore verde scuro quando è il momento giusto per la raccolta. Lo si può trovare tra le olive da tavola, nero o mezzo maturo. Ha un aroma vivace di frutta accompagnato da un sapore di burro. È tra i più miti degli oli di oliva.

Frantoio

Con un aroma che rammenta delle erbe e delle mele, il gusto è superato con mandorle e una sfumatura piccante. L’olio è perfetto per una varietà di alimenti come carni, verdure, pollame e serve benissimo come condimento per le insalate.

Ascolana tenera

Una delle varietà da tavola più pregiate, si è diffusa in tutte le aree dove vengono coltivate le olive. È molto resistente alle basse temperature ed ha un sapore estremamente fruttato ed è molto ricco di olio. La qualità di questa varietà particolare è eccezionale.

Buza

Questo è uno dei tipi più antichi d’Istria, una varietà di olio d’oliva che è sempre stata molto pregiata. È composto di diversi gusti seguiti da un intenso profumo fruttato. Rammenta di carciofi, erbe aromatiche e le mele. Tutti questi lo danno una certa quantità di amarezza e gusto piccante. E va abbastanza bene con il sushi, salmone e tonno.

Rosulja

È di colore verde e d’oro, intenso profumo fruttato con un tocco di oliva in sottofondo. La picantezza e l’amarezza sono forti in quest’olio passando alla fine in un forte sapore di paprika. Va bene con tacchino, pollo e carne rossa in generale, come anche con formaggi freschi e piatti di pasta diversi.

Vodnjanska Crnica

Un’antica sorta istriana di qualità altissima. È abbastanza mite nell’amarezza e picantezza ma è piena di un sapore fruttoso. Eccellente per le occasioni di pesce, polpi e frutti di mare in genere. Non è sicuramente un tipo invadente di olio, ma una varietà che si integra bene anche con miele, pepe e ricotta.

Cipressino

Si tratta di una novità assoluta sul mercato croato. È caratterizzato da un sapore intenso e fruttato con tracce di mandorle, pomodori secchi, con un rapporto di equilibrio tra amarezza e piccantezza. Funziona benissimo con verdure crude e torte alla frutta.

Combinazione di olio con alimenti diversi

I paesi che circondano il Mar Mediterraneo sono considerati i consumatori più frequenti di olio d’oliva. Per esempio, in Grecia, 2 litri di olio d’oliva per persona vengono consumati su base mensile – e ciò senza strofinarselo dappertutto. Il sapore dell’olio d’oliva in realtà dipende da come lo si applica. Il sapore rimarrà intatto se servito su un insalata, per salse o cibi freddi in generale. Se l’olio è compromesso dal calore, è inevitabile un cambiamento di gusto e può notevolmente ridurre l’intensità. In sostanza, più alta la temperatura, tanto più una persona dovrebbe considerare l’utilizzo di oli di oliva raffinati perché quando l’olio extra vergine di oliva viene riscaldato oltre 170 ° C, diminuisono le particelle non raffinate.

La scelta dell’olio d’oliva dipende da tutti i vostri sensi. Potrebbe essere paragonato alla degustazione di vini perché gli oli si differenziano tra loro in vari modi, ed è diventato un’arte sapere quale varietà di olio d’oliva va meglio con alcuni tipi di alimenti o bevande. Cioè, se siete una di quelle persone che preferiscono di più tannino nel loro vino, olio di oliva amaro è la cosa giusta per voi. nsieme a questo, la freschezza è un fattore enorme. La differenza tra l’olio d’oliva di un giorno e quello che è stato spremuto un anno fa è immenso. Non mi fraintendete, l’olio di un anno è ancora una sfida per il palato, ma contiene meno di quell’aroma d’oliva che avete avuto nella varietà più giovane.

Uso medicinale

È qui che mettiamo un punto. L’olio di oliva ha una grande varietà di antiossidanti che sono specifici solo per l’olio d’oliva. Si ritiene di avere un effetto protettivo per il tratto digestivo, tumori maligni del seno e della prostata e riduce il rischio di malattie cardiache. È stato dimostrato che riduce il rischio di malattia coronarica perché è ricco di grassi monoinsaturi. Aumenta il livello di colesterolo buono (HDL), mentre allo stesso tempo abbassa il livello di colesterolo cattivo (LDL).

A seconda dell’utilizzo di olio d’oliva, ha proprietà lassative mite e può servire come misura di prevenzione per l’ulcera peptica o cancro gastrico. Recentemente è stato dimostrato che l’olio d’oliva può ridurre il danno ossidativo di DNA che alla fine può prevenire il cancro.

Tags: , , , , ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.