Top Post »

| 2 Comments | 29.787 views

Dalmazia è una regione geografica e storica, sulla costa orientale del Mar Adriatico, nel sud e sud-est della Croazia. Come la ragione storica non ha più lo status ufficiale. Le …

Leggi l'articolo completo »
Cultura

Eventi culturali e la storia della Croazia

Dalmazia

Le nostre guide sulle città e luoghi interessanti nella Dalmazia

Vacanze

Suggerimenti e consigli sulle vacanze in Croazia forniti dalla gente che ci vive

Istria

Le nostre guide sui luoghi interessanti in Istria

Vacanze attive

Attività sportive per i turisti: rafting, kayaking, trekking...

Home » Gastronomia

Vino in Croazia

Inserito da | 19.545 views

A molti di noi piace un bicchiere di vino ogni giorno e molti di noi vorrebbero avere qualche opportunità di più per poter sperimentare nuove varietà di vini – correzione, di uve. Un mio amico mi ha insegnato che esistono solo le varietà dell’uva, non del vino. Questo è ovviamente un errore comune fatto da un non intenditore ma solo un fruitore di questo nettare degli dei. Questo riferimento è un forte punto di marketing e se avete mai pensato dell’origine di esso, dovreste leggere la mitologia greca (se non lo aveste già fatto).

Vigneto Cittanova in Istria

Secondo gli antichi miti, il vino era una parte importante delle feste religiose e si è creduto di avere poteri magici. Dio solo sa quello che hanno fatto con esso, ma gli è piaciuto così tanto che hanno addirittura assegnato un essere divino che lo rappresenta – il famoso cattivo Dioniso, il dio greco del vino. Essi (gli antichi Greci e forse anche alcuni nuovi) credevano che quando si beve il vino rosso si è sempre in contatto con lo spirito di Dioniso, che è un altro grande punto di commercializzazione. I Romani avevano il loro dio, Bacco. Quello che vediamo noi, i Greci ed i Romani hanno esagerato un po’ con il consumo di vino, ma quello che ci piaceva a questo proposito è il fatto che nessun’altra bevanda alcolica non è mai arrivata nei pressi del piedistallo che gode il vino. Se desiderate completare i vostri pasti o festeggiare un’occasione importante, il vino è un supplemento davvero notevole e se lo usate in modo responsabile, potrebbe essere una delle migliori cose che la vita vi ha dato.

Essendo una delle bevande alcoliche più popolari e uno dei componenti più importanti di molte cucine e culture dell’Europa e del Mediterraneo, il vino in Croazia condivide una simile importanza di quella di Grecia e Italia (oltre a quella mitologica). I vini della Croazia hanno una lunga storia, ma stanno appena iniziando a mostrare la loro piena gloria al mondo.

Per comprendere appieno il patrimonio e la qualità dei vini croati, in primo luogo dobbiamo spiegare che cos’è il vino. Il vino è il prodotto della fermentazione completa o parziale di uve fresche. Esso contiene diverse concentrazioni di alcool (9-15%) e contiene anche un certo numero di componenti minerali, principalmente sali di magnesio e sodio. Circa 400 altre sostanze possono essere rintracciate nel vino, ma il loro valore nutritivo è piuttosto basso. Oltre a questo, è ricco di vitamine del gruppo B, soprattutto B2 e B3. I vini possono essere fatti da altri frutti come frutti di bosco o mele, e in tal caso essi prendono il nome della frutta – vino di mele, per esempio. Questi vini sono chiamati vini di frutta. Probabilmente avete sentito parlare di sake, che è sorprendentemente un vino – vino di riso, ed è costituito da materiali a base di amido in modo che assomiglia allo spirito più che al vino ed è comunemente scambiato per uno spirito (alcol etilico). Quindi, possiamo dire che sake è una birra di riso più che vino.

Gli archeologi hanno trovato la prova che la prima produzione conosciuta di vino ha avuto luogo 8000 anni fa in Europa, in un paese che ora si chiama Georgia. Altre notevoli menzioni storiche della produzione di vino sono state quelle da Armenia e, naturalmente, la Grecia.

Molti di noi hanno sentito parlare di Pinot Nero e Merlot o Chardonnay, ma il fatto molti di noi non hanno conosciuto fino ad ora, è che queste sono le varietà della specie Vitis vinifera europea (nota anche come la vite comune). Ora si può facilmente impressionare qualcuno con questo fatto. Se un produttore di vino utilizza una di queste varietà come dominante (75% o 85% che è definito dalla legge), il vino sarà varietale. Dall’altro lato, ci sono vini mescolati che combinano diverse varietà. Se pensavate che uvaggi sono di qualità inferiore, avete sbagliato perché alcuni dei vini più costosi sono miscelati.

Le varietà di uva da vino rappresentano solo una piccola parte di più di 600 tipi di uva. Ogni varietà ha la sua combinazione unica di caratteristiche quali il colore, le dimensioni, lo spessore della pelle, acidità, resa per ceppo e sapori. Anche se vi è un gran numero di queste varietà, solo alcune di loro sono adatte per la produzione di vino di qualità. Inoltre, se vogliamo sfruttare appieno il potenziale di queste poche varietà, esse devono essere abbinate con il micro-clima e le tecniche giuste di vinificazione.

Per quanto riguarda la classificazione dei vini, i regolamenti dicono che i vini europei sono di solito classificati a seconda della regione da cui provengono, ad esempio Bordeaux o Chianti, mentre altri vini sono spesso classificati in base alla varietà di uva, come il Merlot o il Pinot Noir. Tuttavia, altri produttori di vino hanno pensato che questa restrizione era inutile e ora abbiamo alcuni vini non europei etichettati e classificati per la regione.

Una volta mettete le mani sulla bottiglia di vino, la prima cosa che volete fare è assaggiarlo. La degustazione del vino significa che permetteremo ai nostri sensori di gusto di esaminarlo e valutarlo. Mentre lo facciamo, riconosceremo per esempio la dolcezza del vino che è determinata dalla quantità di zucchero residuo dalle uve dopo la fermentazione. Se gustiamo la secchezza del vino, questo significa che c’è solo una piccola quantità di zucchero residuo nel vino.

uva bianca

Inoltre, se si riconosce il gusto del cioccolato o caffè questo significa due cose – la prima è che siamo assaggiatori esperti e la seconda che il vino che stiamo assaggiando invecchiava in botti di quercia. Quindi, non solo ci sono sapori che caratterizzano la specifica varietà di uva, ma anche sapori che sono frutto di numerosi altri fattori del processo di produzione del vino. Nel caso in cui si riconosce il sapore di banana nel vino, che non vuol dire che le banane sono state aggiunte, il gusto viene dal metabolismo dei lieviti e assomiglia alle banane.

Aroma del vino proviene da composti volatili del vino che vengono rilasciati in aria e questa è la ragione per cui le persone ruotano il bicchiere di vino – di accelerare la vaporizzazione di questi composti e così facendo contribuiscono a migliorare l’aroma. Questo è anche il motivo per cui serviamo i vini rossi alla temperatura dell’ambiente. Naturalmente, ogni regola ha le sue eccezioni e questo vale quindi anche in questo caso: se si beve un vino molto aromatico, come il Beaujolais, forse si preferisce servito freddo come lo fanno molte persone.

Ora che sappiamo da dove viene, dovremmo scrivere qualcosa su come è fatto. Il processo di produzione del vino è anche conosciuta come la vinificazione. Naturalmente, tutto inizia con la selezione delle uve proprie, mentre il passo finale è l’imbottigliamento e la conservazione delle bottiglie in modo adeguato. Ci sono due categorie di produzione di vino e ognuna di loro ha diversi prodotti noti come il vino da una parte e spumante d’altra parte o in altre parole – la produzione “tranquilla e frizzante“. Quest’ultimo comprende carbonatazione. C’è tutta un mondo scientifico intorno al vino e la sua produzione e lo conosciamo sotto il nome di enologia.

vino rosso

Una volta che le uve sono state raccolte vengono messe in una cantina e preparate per la prima fermentazione. In questa fase accadono le cose importanti – la produzione di vino rosso si separa dalla produzione del vino bianco. Il colore rosso del vino rosso viene dalla polpa di uva rossa o nera che vengono sottoposte al processo di fermentazione tutte insieme, il che significa che le bucce non vengono rimosse come nel processo di produzione del vino bianco. Il vino bianco è prodotto dalla fermentazione solo del succo che viene da uve pigiate. Le pelli vengono rimosse in questo processo e non sono più utilizzate. Naturalmente, il vino rosato è ottenuto da uve rosse, semplicemente permettendo di rimanere in contatto con la pelle per un certo periodo di tempo per prendere un po’ di colore dei pelli. C’è un altro modo per fare rosato: mescolare vino rosso e bianco.

La fermentazione inizia quando il lievito viene aggiunto alle uve e di solito ci vogliono tra una e due settimane prima che finisca il processo. Il ruolo del lievito nel processo di fermentazione è convertire gli zuccheri dall’uva al etanolo e anidride carbonica. La seconda fermentazione è fermentazione batterica e converte l’acido malico in acido lattico. Ciò è necessario perché diminuisce l’acido e ammorbidisce il gusto, così il vino può essere potabile.

Una volta che questi processi finiscono il vino viene trasferito in barrique (botti di rovere, per esempio) in cui deve rimanere per un certo periodo di tempo per maturare. Il tempo dalla raccolta delle uve fino al consumo del vino può variare da qualche mese a oltre 20 anni. Spesso sentiamo come il vino è migliore del più matura, tuttavia, solo il 10% o di vini rossi e il 5% di vini bianchi potranno gustare meglio. Spesso sentiamo che il vino è migliore se matura di più, tuttavia, solo il 10% di vini rossi e il 5% di vini bianchi avrà un gusto migliore. Molti fattori sono inclusi in questo processo e alla fine dipende tutto anche dall’enologo – quale uva utilizza, se omette o combina alcuni passi per raggiungere il risultato desiderato. Possiamo dire che la qualità per lo più proviene dalla varietà delle uve utilizzate e non necessariamente dal processo di produzione del vino.

Tutte le cose dette, possiamo continuare questa recensione (spero che questo sia il termine giusto per questo testo) di vini croati e discutere i vitigni autoctoni croati e vini. Si è constatato che in Croazia c’è una centinaia di varietà autoctone di uva, ma la tendenza della scomparsa è in corso. Ci vuole una favorevole posizione geografica e le condizioni climatiche per la conservazione e l’espansione delle varietà di uve e i viticoltori sono quelli che devono agire in questa direzione al fine di preservare le varietà. Numerose discussioni si sono svolte su questo argomento e le conclusioni erano diretti verso le cantine che si devono collegare più fortemente con la gastronomia ed enoturismo per riuscire in questa impresa.

Le tradizioni enologiche delle regioni croate risalgono ai tempi prima dell’Impero Romano. Se vi ricordate l’inizio di questo testo, in realtà furono i Romani che hanno introdotto significativi dimensioni e la metodologia per la produzione di uva nel mondo. Data la vicinanza e il fatto che la Croazia era parte dell’Impero Romano non c’è da meravigliarsi che gli enologi croati hanno ripreso qualcosa del loro mestiere. Naturalmente questo è solo uno dei molti fattori. La Croazia ha alcune delle migliori foreste di querce al mondo che sono favorite da molti produttori in Europa. Se si aggiungono alcune interessanti varietà autoctone di uva croate allora si ha la ricetta per il vino croato di prima classe.

A seconda delle regioni vinicole, la Croazia è divisa in due regioni: continentale e marittima che poi sono suddivise in 12 regioni. Ciascuna delle regioni si distingue per caratteri geografici, geologici, topografici, agro-ecologici, economici e altri. Queste divisioni avvengono esclusivamente a causa delle diverse zone climatiche che influenzano la varietà, la qualità e la produzione del prodotto finale, rendendo in tal modo la produzione di vino croato così ricco e così diverso di tutti gli altri. È molto raro incontrare tante diverse varietà di uva e tipi di vino su uno spazio così piccolo. Non dimentichiamo che la Croazia è situata su un’area geografica che ha molte ore di sole, specialmente in Dalmazia.

La divisione principale è sulle regioni vinicole continentali e marittime. Nelle zone continentali della Croazia ci sono la parte nord-occidentale (Pljesivica, Prigorje e Varazdin, Medimurje, Pokuplje e Moslavina) e nord-orientale (Slavonia e Danubio). La parte costiera comprende l’Istria e il litorale croato, la Dalmazia settentrionale, l’entroterra della Dalmazia, la Dalmazia centrale e meridionale. Ci sono quattrocento produttori registrati di vino in Croazia e il mercato conta quasi una migliaia di etichette di vini.

Nel nord-ovest della Croazia sono prodotti soprattutto il Riesling, Riesling Renano, Chardonnay, Moslavac e Skrlet (in Moslavina), Kraljevina, Pinot bianco e grigio. Tra i più noti produttori di questa regione sono: Agromedimurje Inc. da Cakovec, Varazdinka d.d. da Varazdin, Petrac d.o.o. dalle Terme di Krapina, Bojan Stampar e Alojz Novak, e molti produttori di Strigova.

La Croazia nord-orientale produce anche Grasevina, poi Sylvaner, Riesling, Chardonnay, Pinot bianco e grigio, Gewurztraminer, Sauvignon Blanc, Frankovka e Zweigelt. I più famosi produttori di Slavonia sono Ivan Enjingi che possiede uno dei più grandi vigneti della Croazia e Davor e Visnja Zdjelarevic di Brodski Stupnik che hanno ottenuto il riconoscimento al mercato internazionale. La famosa cantina Krauthaker opera a Kutjevo. I vigneti di Erdut hanno una enorme capacità barile di 75 000 litri.

L’Istria e la Croazia litorale sono leader nella produzione di vini di alta qualità come la Malvasia, Merlot, Cabernet Sauvignon, Terrano, Refok, Pinot bianco e grigio, Chardonnay, Moscato, trojscina (Susak) e Vrbnicka zlahtina (Krk). La cantina Kozlovic da Momjan ha una lunga tradizione nella produzione di Malvasia, Moscato e Terran e negli ultimi anni è apparsa la cantina Katunar con Zlahtina e la produzione di vini rossi e spumanti.

La Dalmazia è ricca di vitigni autentici. I vini più famosi sono: Babic e Plavina (Primosten), Merlot (Drnis), Debito, Posip Marastina e Grk (Korcula), Vugava bianco e Plavac nero (Vis), Pomice e Bogdanusa (Hvar), Plavac mali (Peljesac), vino da dessert Prosek e il famoso vino rosso, Dingac. C’è una storia sul Debit che è una varietà molto vecchia e la storia viene dai tempi in cui Napoleone Bonaparte governava in questa zona nel tardo XVIII secolo. Napoleone chiedeva il pagamento delle imposte e siccome le persone in Dalmazia erano povere ma avevano questo vino, pagavano le tasse a Napoleone in forma del Debit.

cantina

Le cantine famose in Dalmazia sono: Cantina Plancic da Hvar e cantina Toreta da Korcula che allevano le varietà autentiche di Posip e Rukatac. La cantina Plenkovic produce ogni anno circa 300 000 bottiglie di Zlatan Plavac e Golden Rose. Sulla penisola di Peljesac ci sono vigneti della famiglia Skaramuca, nota per la produzione di Plavac mali e Dingac.

In Dalmazia, i Greci ei Romani hanno iniziato a coltivare l’uva mentre i croati hanno continuato e avanzato il processo. Tutta la storia della Dalmazia è strettamente associata con la produzione di vino – storia letteraria, artistica, economica e anche politica. La vinificazione rappresenta il ramo principale della produzione in Dalmazia, la metà della popolazione rurale è impegnata in allevamento di uve. La lavorazione delle uve avviene in moderne cantine e aziende vinicole. I vini dalmati sono tra i più alti di qualità per l’abbondanza di terreno roccioso e molti giorni di sole.

Quando cominciate a godere di questi meravigliosi vini croati ricordatevi di gustarli in modo corretto e includere tutti i vostri sensi al fine di goderne appieno.

Il vino non può gustare come dovrebbe, se non potete sentire l’odore. È possibile verificare questo se trattenete il respiro e prendete un sorso. Questo non significa che la vostra bocca e la lingua non funzionano bene ma hanno bisogno di collaborare con altri sensori di provare pienamente il gusto del vino. Le vostre papille gustative hanno un ruolo importante nel determinare la forza e la consistenza del vino e il naso contribuisce a quel gusto aggiungendo l’odore. Per farlo correttamente è necessario prendere un sorso di vino e poi fare i gargarismi intorno alla bocca. In questa fase è possibile ingoiare o sputare il vino. In alternativa, si può ancora provare qualcosa che di solito fanno gli assaggiatori professionisti – aprire leggermente la bocca e lasciare dentro un po’ di aria.

Lo scopo di tutto questo è di ventilare il vino e inalare sostanze volatili che vanno alla parte posteriore della bocca dove si trova il nervo olfattivo da cui gli impulsi sono inviati al cervello. Ancora una volta, se tornate all’inizio dell’articolo, vi ricorderete la spiegazione delle sostanze volatili.

Una volta che avete assaggiato e “sentito il vino” e poi ingerito o sputato, provate a pensare quali sono gli altri aspetti del gusto e per quanto tempo si sono trattenuti. La lunghezza e il sapore che rimane in bocca sono un indicatore chiave della qualità di ogni vino. Quanto più il gusto si fa sentire in bocca e il naso e quanto più è piacevole, tanto meglio è il vino.

Consumato in piccole quantità, il vino può evocare i sentimenti di gioia. Le cellule del sistema nervoso sono stimolate fornendo un senso di sicurezza e forza. Anche i riflessi sono un po’ ridotti. Se si continua a bere di più sappiamo tutti cosa succede dopo.

Se si consuma in piccole quantità, il vino ha un effetto positivo sul corpo: aumenta i livelli di colesterolo buono nel sangue. Alcol stimola un enzima la cui attività porta ad un aumento del colesterolo HDL (colesterolo ad alta densità), che non è dannoso per l’organismo. Infine, il vino stimola la digestione poiché la sua acidità fornisce la più alta digeribilità di proteine ​​(carne, formaggio, uova). L’acido contenuto nel vino è simile a quello riscontrato nel succo gastrico. Questo è uno dei motivi per cui il vino è perfetto in cucine e pasti.

I nutrizionisti raccomandano solo mezza tazza per porzione, per esempio, una tazza per il pranzo o la cena. Si sconsiglia di bere vino come aperitivo. Bere vino a stomaco vuoto ha un effetto negativo sul fegato che contiene enzimi che possono digerire l’alcol, convertendolo in acido acetico, una sostanza che il corpo utilizza nello stesso modo come lo zucchero e causa un senso di fame.

Le donne assorbono etanolo più veloce rispetto agli uomini – che significa che inebriano più velocemente! Il consumo moderato di vino si considera 70 grammi di etanolo (o un litro di vino alcolico basso) a settimana, che corrisponde ad uno decilitro di vino al giorno, anche se la maggior parte dei nutrizionisti ritengono che il consumo moderato può essere la doppia quantità menzionata del vino (un decilitro di vino a pranzo e uno a cena).

Il vino è una componente importante della dieta mediterranea, in particolare vino rosso che si beve diluito con acqua – si chiama bevanda in Dalmazia. In queste zone la mortalità generale e la mortalità causata da malattie cardiovascolari è inferiore a quelle zone in cui il vino non si consuma.

Il maggior credito per gli effetti sulla salute di vino si da ai polifenoli, soprattutto resveratrolo, un gruppo di composti organici che, nella modalità di azione, sono considerati antiossidanti. È stato dimostrato che il resveratrolo, un ingrediente naturale di frutta (gelso, arachide), dell’uva e del vino è fino a dieci volte più abbondante in vini rossi (circa 5 mg / l) rispetto ai bianchi, ed è responsabile per la riduzione del rischio di varie malattie, soprattutto cardiovascolari.

Dato che ogni vino ha una funzione speciale che completa il sapore di certi cibi in preparazione oppure come bevanda, sono apparse gradualmente alcune regole su quale vino è migliore con un piatto particolare, quindi dovreste prenderele in considerazione quando comprate il vostro vino.

Altrettanto importante è di mantenere il vino ad una temperatura adatta che di solito è la temperatura ideale per servire. Il vino rosso viene servito a una temperatura di 18-20 ° C, bianco a 10-12 ° C e lo champagne a 5-6 ° C.

Scrivere questo articolo ha rafforzato il nostro amore per i vini. Li usiamo molto, soprattutto per la cucina. Se avete intenzione di mettere le mani su alcuni vini deliziosi croati e mostrare le vostre abilità culinarie, dovete quindi avere questo in mente: ci sono alcune regole generali sull’uso del vino nella preparazione dei cibi. I vini devono essere puliti e privi di gusto ruvido. I vini rossi sono aggiunti al spezzatino, piatti di carne e selvaggina, pesce stufato, marinate e diverse salse. Inoltre, possono essere utilizzati nella preparazione di dolci, le fragole marinate o nel cucinare pesche e pere. Il vino bianco è di solito aggiunto alla pasta perché perde forza.

Prosecco, Porto, Madera e Marsala sono vini da dessert. Prosecco è utilizzato per la preparazione della marinata di vino, piatti in salsa di manzo e pollame. Porto è usato nella preparazione dei pasti da anatre mentre Madeira è combinata con carne di maiale, carne di manzo e funghi. Marsala è bene con la carne di vitello e altre carni bianche in salse. Vini da dessert sono utilizzati anche nella preparazione di dolci come la crema, marmellata, sformati e frutta cotta nello sciroppo di zucchero.

A giudicare dalla risposta e reazione eccezionale vi è un interesse per vini croati. Gli enologi croati devono essere intelligenti, creativi e agire strategicamente. Hanno buoni vini, e ora tocca a loro di promuovere i vini in modo corretto. La Croazia ha un’ottima posizione, i vigneti hanno uno dei più bei posti al mondo per essere coltivati e per quanto riguardano i vitigni autoctoni, la Croazia ha da offrire qualcosa di unico al mondo. Quando l’acquisto di vini di alta qualità, il prezzo determina la qualità, in molti casi, tuttavia, tenere a mente per cercare l’etichetta che dice “vrhunsko vino” che definisce il vino di qualità in Croazia.

Quando acquistate vini di alta qualità, in molti casi il prezzo determina la qualità. Tuttavia, tenete a mente di cercare l’etichetta che dice “vrhunsko vino” che definisce il vino di qualità alta in Croazia. Una volta che li provate che sarete d’accordo che sono certamente alcuni dei migliori. Se avete goduto molti vini finora, ma ancora non quelli croati, date il vostro palato la possibilità di esplorare le varietà nuove come Posip o Plavac Mali o Terran dall’Istria. Questi sono una vera delizia. La diversità dei vini croati da sola sarebbe sufficiente per quanto riguarda alcuni di noi, tuttavia, l’eccellenza e l’unicità dei vini croati ci rende fiduciosi per raccomandarli a voi.

Grazie a Moreno per la sua storia sul vino croato e la vinificazione.

 

Tags: , ,

Lascia un commento!

Aggiungi il tuo commento qui sotto, o trackback dal tuo sito. È anche possibile Comments Feed via RSS.

Sii gentile. Keep it clean. Rimani in argomento. No spam.

È possibile utilizzare questi tag:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong> 

Questo è un Gravatar-enabled weblog. Per ottenere il tuo globalmente riconosciute-avatar, registri prego a Gravatar.

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.